Calze elastiche

Se stai cercando delle calze elastiche , devi recarti presso un negozio di ortopedia e devi sapere che:

Le calze elastiche a compressione graduata risultano essere un valido supporto nel trattamento dell’insufficienza venosa e della malattia varicosa e sono anche utilizzate nei decorsi post operatori per prevenire la formazione di trombi. Queste calze, se usate regolarmente, permettono di ridurre del 60% il rischio di sviluppare varici degli arti inferiori nei soggetti predisposti. Sebbene non consentano la guarigione dalle malattie sopraccitate, contribuiscono a migliorare la normale circolazione venosa e si possono considerare il rimedio più indicato nelle prime fasi della patologia per rallentarne l’aggravamento: alleviano i sintomi clinici della congestione venosa (gonfiore, formicolii, senso di pesantezza e calore alle gambe), migliorano il flusso di sangue venoso delle gambe e sono una mano santa per le donne incinte e per i soggetti per i quali l’intervento chirurgico è controindicato. Quando è il medico a prescriverle, sono fiscalmente detraibili in ottemperanza alla direttiva 93/42/CEE.

Come funzionano le calze elastiche

Le calze elastiche sono un vero e proprio presidio sanitario la cui efficacia è riconosciuta dai migliori specialisti. Agiscono esercitando una pressione variabile sugli arti inferiori che raggiunge il massimo grado in corrispondenza della caviglia, riducendosi progressivamente salendo verso il ginocchio e la coscia. Alla caviglia, il grado di compressione è del 100%, verso il polpaccio è del 70% e all’altezza della coscia è del 40%. La degressività è indispensabile per garantire l’efficacia di questo genere di indumento elastocompressivo. I collant che presentano una compressione uguale su tutta la lunghezza sono infatti terapeuticamente inefficaci.
Il principio della compressione graduata favorisce il ritorno del sangue al cuore, evitando il ristagno, e aiuta a prevenire l’aumento della viscosità sanguigna e la formazione di trombi. In pratica, queste calze agiscono come una pompa esterna supplementare che favorisce lo svuotamento venoso, riducendo il gonfiore e la pesantezza causati dall’insufficenza venosa. La compressione si misura in mmHg (millimetri di mercurio), e non in denari, che indicano la quantità di filato presente nella calza.

Tipologie di calze elastiche : preventive o terapeutiche?

Le calze a compressione graduata si dividono in due categorie: calze  preventive e calze  terapeutiche. La differenza sostanziale tra queste due tipologie consiste nel grado di compressione massima esercitata all’altezza della caviglia.

1. Calze  preventive che potrai trovare presso i negozi di articoli ortopedici e sanitari specializzati nella vendita di calze elastiche

Le calze elastiche si definiscono in preventive, o riposanti, esercitano una forza di compressione alla caviglia compresa tra 6 e 20 mmHg. Questo tipo di presidio medico, che non necessita di prescrizione medica, è indicato per prevenire l’insorgenza della malattia vascolare nei soggetti che presentano dei fattori di rischio, quali familiarità, lavori che impongono di stare in piedi o bloccati nella medesima posizione per molte ore, uso della pillola anticoncezionale, gravidanza, lungo allettamento, e così via. Le calze riposanti possono essere a maglia liscia, esteticamente migliori, o a doppia rete, caratterizzate da una maggiore compressione. Sono disponibili in una vasta gamma di colori e versioni (gambaletto, autoreggente, collant o monocollant) e, a seconda del livello di compressione, possono essere utilizzate quando si avverte un leggero gonfiore alle gambe o un senso di pesantezza (6 mmHg = 40 denari), quando cominciano a spuntare i primi capillari (14 mmHg = 70 denari) o quando si hanno varici di lievissima entità (18 mmHg = 140 denari). Anche le persone giovani e sane dovrebbero prendere in considerazione l’uso delle calze elastiche preventive che, migliorando l’irrorazione sanguigna, garantiscono un adeguato apporto nutritivo ai tessuti e combattono i ristagni di liquidi e la cellulite. D’altronde, i modelli oggi disponibili presso tutti i negozi di ortopedia a  non sono più antiestetici come quelli di una volta, ma permettono di coniugare stile, eleganza e praticità all’intrinseca funzione terapeutica.

2. Calze  terapeutiche che potrai trovare presso i negozi di articoli ortopedici e sanitari specializzati nella vendita di calze elastiche 

Le calze elastiche terapeutiche vengono suddivise in classi di compressione (Clc) a seconda del grado di pressione massima esercitata a livello della caviglia:
– Clc I: tipo di compressione leggera (18-21 mmHg);
– Clc II: tipo di compressione moderata (23-32 mmHg);
– Clc III: tipo di compressione forte (34-46 mmHg);
– Clc IV: tipo di compressione molto forte (superiore a 49 mmHg).
Questo tipo di calze si utilizzano in presenza di una malattia conclamata; nello specifico, le calze appartenenti alle prime due classi di compressione sono indicate in caso di vene varicose gravi, trombosi venosa (sia superficiale che profonda), eczemi e ulcere, mentre le calze di terza o quarta compressione sono indicate per i linfedemi gravi o molto gravi.
Anche le calze compressive terapeutiche sono disponibili in formato gambaletto, autoreggenti, collant o monocollant, se la gamba da trattare è una sola. Tuttavia, essendo veri e propri dispositivi medici, dovrebbero essere sempre prescritte dallo specialista (flebologo-angiologo) che, in seguito ad un’accurata visita medica, stabilirà il grado di compressione da adottare e potrà escludere la presenza di condizioni, come il diabete o le malattie arteriose, per le quali il ricorso alla cura elastocompressiva potrebbe risultare addirittura dannoso.

Come indossare le calze elastiche

A causa dell’elevata pressione che esercitano sulle gambe, molti pazienti presentano delle difficoltà nell’indossare le calze elastiche. In alcuni casi, questa difficoltà la sia ha: sia indossando le calze preventive che indossando le calze terapeutiche. Per gli anziani, ad esempio, che hanno poca forza nelle mani o fanno fatica a piegarsi, calzare questo tipo di dispositivo medico può essere davvero un’impresa.
Per ovviare a tale problema, presso in negozi specializzati nella vendita di calze elastiche si trovano degli utili infilacalze che permettono di arrotolare la calza senza difficoltà, grazie ad un materiali tecnico ed un sistema di non attrito che agevola l’utente.
Inoltre, per semplificare l’operazione, si consiglia di indossare le calze al mattino presto, prima che le gambe comincino a gonfiarsi. Un utile accorgimento può essere quello di usare del borotalco per rendere la superficie cutanea più liscia e favorire lo scivolamento della calza, oppure di indossare un paio di guanti per garantire una presa ottimale sull’indumento elastico ed evitare di smagliarlo con unghie o anelli.

Come scegliere la taglia giusta

Oltre a scegliere il corretto livello di compressione in base alla patologia da prevenire o da trattare, è importante individuare la taglia giusta. Infatti, per non inficiare l’azione compressiva, è indispensabile che le calze non facciano pieghe né siano troppo distese. Inoltre, una volta provate, per motivi igienici, non possono essere sostituite, per questo, prima di procedere all’acquisto, è di fondamentale importanza rilevare correttamente le misure e per questo si consiglia di recarsi presso un negozio di articoli ortopedici e calze elastiche. Per le calze elastiche preventive, la misura corretta, indicata su apposite tabelle messe a disposizione dalle aziende produttrici, dipende dal peso e dall’altezza del paziente. La taglia delle calze terapeutiche si prende, invece, misurando la circonferenza della caviglia, del polpaccio e della coscia, e talvolta anche la lunghezza della gamba. Le misurazioni vanno prese la mattina prima di alzarsi dal letto o comunque quando le gambe sono ancora sgonfie, altrimenti non sarà possibile individuare la compressione corretta.
Per prolungare la vita delle calze, si consiglia di lavarle a mano a basse temperature con detergenti non aggressivi, evitando di strizzarle o di farle asciugare appese o vicino a fonti di calore. In questo modo, una calza a compressione graduata indossata quotidianamente può durare fino a 4-6 mesi.

Dove acquistare le calze elastiche 

Per avere una garanzia che le calze elastiche siano efficaci, è importante acquistarle presso punti vendita autorizzati. Queste calze vengono vendute in qualsiasi farmacia o negozio di ortopedia ma si trovano anche sul web. Su internet, però, non si parla di classe di compressione, ecco perché è importante andare nei negozi di Articoli ortopedici, fisici specializzati e farsi consigliare da chi fa questo mestiere da anni. Il primo vantaggio di comprare le calze elastiche in negozio è che puoi vedere e toccare con mano i prodotti, il che riduce il rischio di effettuare un acquisto errato. Inoltre, la possibilità di avere una persona di fiducia a cui rivolgersi fisicamente offre maggiori garanzie rispetto all’acquisto online. Non solo puoi usufruire delle conoscenze del venditore ai fini di un migliore acquisto, ma, grazie al canale diretto con chi ha venduto il prodotto, è possibile essere seguiti qualora sorgano dei problemi. Se, ad esempio, la calza è difettata e causa dei disagi nell’indossarla, è possibile comunicarlo al venditore che provvederà immediatamente alla sua sostituzione.

Acquistare sul web è un’abitudine per molti consumatori e in alcuni casi è un’ottima fonte di risparmio. Tuttavia, per l’acquisto di un prodotto come le calze elastiche, solo andando in un negozio di calze elastiche  e confrontandosi con persone con esperienza pluriennale si potrà acquistare il prodotto più adatto alle proprie esigenze. Solo un professionista, dopo aver accertato quanto indicato dal medico, saprà consigliarvi se meglio un gamberetto, un auto reggente o un mono collant per la Vostra esigenza. Anche se comprare su internet è qualche volta economicamente più conveniente, si rischia di acquistare prodotti con difetti, fuori misura, con indicazioni di compressione non veritiere, oppure che si rompono alla prima calzata. L’affidabilità del venditore rimane sempre un’incognita e la truffa è dietro l’angolo. Inoltre, bisogna diffidare di prodotti troppo economici perché le calze terapeutiche, sopratutto se certificate,  hanno costi proporzionali alla loro qualità ed efficacia.
Quindi, la vera convenienza non è risparmiare una manciata di euro acquistando le calze elastiche sul web, ma spendere bene i propri soldi andando ad acquistare in punti vendita fisici che ci mettono la faccia.

Nei negozi di ortopedia e specializzati nella vendita di calze elastiche troverai il prodotto che stai cercando…